Sono sempre di più le appassionate di fuoristrada 4x4 che ogni anno si danno appuntamento ad inizio marzo per celebrare la loro giornata off-road con il “Raduno Rosa 4x4, ciao Elisa”, unica manifestazione in Italia dedicata esclusivamente agli equipaggi interamente femminili. L’edizione n° 23 di questa longeva iniziativa è partita dalla cittadina friulana di Cormons (patrocinante del raduno), culla del Collio e rinomata per la produzione di importanti vini d.o.c.- Domenica mattina 3 marzo, in una splendida giornata di sole con un tepore che nulla aveva a che fare con l’inverno, si sono presentate al via in una sessantina. Dopo le registrazioni, la consegna dei gadget offerti dallo sponsor BFGoodrich, si partiva seguendo le note del classico “road-book” che prevedeva un itinerario misto strada-fuoristrada dalle diverse tipologie: quella più semplice e turistica, adatta ai veicoli suv e quella impegnativa dedicata ai 4x4 più performanti. La prima zona interessata ai percorsi off-road era quella delle colline caprivesi con sterrati e carrarecce a lambire alcuni tipici vigneti. Poi il programma portava le partecipanti ad una prima sosta con visita guidata alla Tenuta Angoris e alla caratteristica “barricaia” in cui viene conservato e raffinato lo spumante metodo Charmat Modolet. L’abbinamento “gourmet” veniva rivolto ai formaggi tipici del posto e rigorosamente “bio” dell’azienda “Borc da ocjs”. Alla ripresa del percorso vi era la proposta di due guadi del torrente Judrio, inseriti come “varianti impegnative” ed affrontati con giusto piglio dalla quasi totalità delle partecipanti. Poi veniva il momento della prova di “guida sicura” in cui le “ragazze” si impegnavano in uno slalom su terreno naturale ed impervio sotto gli occhi attenti e divertiti delle altre colleghe d’avventura. A completare il quadro valutativo, l’organizzazione del Gruppo Fuoristradistico Isontino Alpe Adria aveva previsto anche una “prova culturale 4x4” ed un “rally fotografico” che, per la loro risoluzione, coinvolgevano non solo la guidatrice ma anche tutte le altre componenti gli equipaggi. Nel primissimo pomeriggio, iniziava la risalita verso l’abitato di Scriò per una piccola tappa gastronomica presso la famiglia Grudina. Il tempo trascorreva veloce come si conviene quando c’è gran piacere di stare assieme; così era necessario proseguire il programma verso l’arrivo su un tracciato più scorrevole, non prima però di aver percorso una interessante pista di bosco, in parte fangosa nonostante il tempo fosse asciutto da diversi giorni. Ad ospitare la conclusione della giornata veniva scelta l’Azienda Vie d’Alt a Craoretto di Prepotto, a gestione tutta rosa. Dopo un altro momento conviviale, si passava alle premiazioni finali: al primo posto si classificava Chiara Fontanot e al secondo Beatrice Fasan che così bissavano i risultati della scorsa edizione del raduno; terza si posizionava Federica Cernic con un equipaggio composto anche da 3 bimbi. Per la miglior “prova culturale 4x4” veniva premiata Emy Gerini e nel “rally fotografico” primeggiava Agnese Nadali. Anche questa 23^ edizione del raduno è stata dedicata a Elisa, la giovane socia del G.F.I. Alpe Adria scomparsa esattamente tre anni prima e che ne era una delle più entusiaste promotrici.

Notizie

g.f.i. 4x4

INDIRIZZO: (ADDRESS:)
G.F.I. ALPE ADRIA off road
via Zumin 13
34072 Gradisca d’Isonzo (GO)
Italia
FAX: +39 0481 960 860
TELEFONO: (TELEPHONE:) +39 347 5384222
info@gfi4x4.it
Powered by Webnode